Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Michele Di Salvo
27 Jun

Le mie dieci domande a Grillo (quelle che nessun giornalista gli ha mai fatto)

Pubblicato da micheledisalvo  - Tags:  Beppe Grillo, Casaleggio, facebook, giornali, giornalismo, m5s, Movimento, pipa, politica, Politica, sopa, twitter

Un tempo Grillo cominciava i suoi spettacoli spaccando un computer. Beh si, nel paese della e dalla memoria corta certe cose si dimenticano. Poi fu la volta del “non fidatevi, cercate sempre la verità”. E accadde che quando non fidandosi e cercando la verità qualcuno dimostrò le tante “balle” dette da Grillo sul suo blog – non pezzi d’opinione o brani ironici e satirici, ma dalla negazione dell’AIDS alla pubblicazione di false lettere che gli sarebbero state scritte dal Papa in persona e dal presidente cinese, in quanto uno dei grandi del mondo! (ovviamente clamorosi falsi creati per accreditarsi ai primi tempi del suo blog) – ecco che l’autodifesa fu “la macchina del fango”.

E di fronte alle tante domande poste dai giornali, uno trasparente, che vuole innovare, che vuole cambiare modo di fare politica, che fa? Nulla, come tutti i vetero politici si adegua e a. non risponde ai giornalisti, accettando solo interviste scritte e concordate (che sanno più di comunicato stampa sotto forma di dialogo) b. afferma che “i giornalisti sono tutti venduti, e le lobby, e l’informazione dei grandi gruppi…” c. da perfetto politico d’altri tempi querela i giornalisti che lo criticano

Il Grillo difensore della libera rete, propugnatore di un futuro in cui la rete governerà il mondo senza questa “vecchia e corrotta politica”, in cui le scelte dipenderanno dal numero dei “mi piace” su facebook e le persone saranno elette in base ai follower che hanno su twitter, colui che deve la sua fortuna mediatica (dopo essere stato cacciato dalla tv, ma lui dice, come la volpe e l’uva, che è lui che se ne è andato perché “la tv è il male” tanto da vietarla pena l’esilio anche a pubblici dibattiti per i suoi candidati!) oggi va oltre anche i peggiori auspici di Berlusconi e degli ultra conservatori americani.

Vi ricordate quando l’ex presidente del consiglio propose di estendere la responsabilità propria e tipica delle testate stampa ai siti web e ai blog “privati”? Si gridò allo scandalo liberticida da parte del “signore del popolo delle libertà”. Vi ricordate le proposte pipa e sopa che non sono passate al congresso americano, misure prese apparentemente per ragioni di sicurezza nazionale, in realtà per chiudere preventivamente siti scomodi? Bene, nemmeno quelle sono passate! Oggi l’invenzione giuridica di Grillo, anche in barba agli articoli 2 e 21 della costituzione, sarebbe l’applicazione dell’obbligo di rettifica sul web. Ora, premesso tutto ciò che è sacrosanto per le testate e per gli operatori professionali, che dovrebbero adeguarsi (semmai in maniera anche più stringente) ai codici deontologici ed agli obblighi professionali e di legge, laddove ciascuno ha il diritto di smentita e, ove disposto nei modi e nelle forme legalmente prescritte, esiste il diritto/dovere/obbligo di rettifica, vediamo qual è il delicato punto del comico-giurecolsulto Grillo da Genova. Il blog non fanno “comunicazione giornalistica professionale” ma semplicemente costituiscono strumento non professionale per la manifestazione del pensiero e delle opinioni, diritto imprescindibile stabilito dalla costituzione negli articoli 2 e 21 (innanzitutto), ma principio angolare dell’intero impianto democratico – laddove senza tale diritto, tutto il resto non ha senso concreto, dal voto, al parlamento, alle autonomie locali, alla magistratura… E meraviglia che ciò sfugga ad un comico che ha usato e talvolta abusato di questo diritto; mi domando cosa sarebbe successo se qualcuno, leso per le parole di Grillo, avesse chiesto a lui di cominciare i suoi spettacoli con una sfilza di “rettifiche” su tutto quanto detto nello spettacolo precedente… per non parlare del suo stesso blog!

Ma Grillo – che grazie al suo blog ha raddoppiato il suo reddito, passando da 2 a 4 milioni di euro, e che grazie al suo movimento ha triplicato la vendita di spettacoli, libri e gadget - queste cose le sa bene, e quindi si “limita” a minacciare, forte dei numeri dei sondaggi sul suo movimento: attaccare lui significa attaccare una forza con percentuali a due cifre che presto entrerà in parlamento, e di cui è padre-padrone. Pieno stile pre-prima repubblica. Si perché il motto “colpirne uno per educarne cento” (con cui ha lanciato la sua campagna di minacce di querele) ha origini certificate! Il Grillo che propone di abolire l’oltraggio al Presidente della repubblica, vorrebbe mica introdurre quello di lesa maestà di se stesso? Ricordando a Grillo che, comunque, esiste sempre la possibilità (blog o meno) di sporgere querela per diffamazione, qualora egli si sentisse leso nella sua immagine e persona da fatti chiaramente e palesemente falsi, prima del suo diritto ad avere una rettifica, dovrebbe dimostrare che i detti fatti siano, appunto, falsi. E allora sorge un dubbio, ma vuoi vedere che Grillo minaccia di querele per “spaventare” chi osa criticarlo, ma ai fatti non querela nessuno (o pochissimi) perché dovrebbe “dimostrare l’infondatezza di fatti in realtà veri”? Ma vuoi vedere che il Grillo parlante (e scrivente) nazionale, non querela perché poi dovrebbe, lui, rispondere alle domande e rispondere di fatti documentati?

Ora, dato che il dubbio è alla base della evoluzione umana, è quel principio per cui “si domanda”, si ricerca, ed è quella pietra angolare del vivere politico -nel senso alto del termine- che prevede che chi si candida, in qualsiasi modo e forma, ovvero anche come leader di un movimento politico, a gestire la cosa pubblica, non deve solo essere trasparente ma deve anche “apparire tale”, e da qui il diritto dovere per ogni cittadino di chiedere ed avere risposte… …io faccio le mie domande “non addomesticate” a Grillo, e lui è libero di querelarmi, e sono certo che come non lo ha fatto per le 30 cartelle del mio precedente articolo, continuerà a non farlo per le oltre 120 che sto ultimando… Ma sarebbe un segno di rinnovamento – quella “novità assoluta” che sbandiera da palchi senza contraddittorio e confronto democratico, quel confronto che evita e rifugge come un appestato – che si degnasse di rispondere, lui leader di un movimento politico, padrone del simbolo, certificatore di liste, Solone di ogni candidato, giudice unico delle loro vite e curricula, fustigatore acriticabile di tutto e tutti.

1. accertato che dietro di lei, ed al suo fianco, c’è il gruppo di Casaleggio e che gran parte della sua popolarità è dovuta alla loro attività di gestione e promozione della rete, e dato che la Casaleggio associati gestisce anche la comunicazione di numerose aziende private, ci indica quali sono, così da poter sapere ogni volta se la posizione espressa sia o meno in conflitto di interessi, o dettata da “altri” interessi di altri clienti?

2. perché, nel libero web, in cui esistono piattaforme gratuite, lei e la Casaleggio, avete scelto per sviluppare in rete il vostro movimento la piattaforma meet-up, che non è né la migliore, né la più dinamica, né quella che offre il maggior numero di opzioni, ma è: a pagamento, sviluppata per creare merchandising, crea gerarchie in base a “quanto si paga”, consente facili manipolazioni dei profili utente? Soprattutto, lei e la Casaleggio, da questa piattaforma e dal merchandising relativo, guadagnate royaltyes?

3. lei ha censurato molte candidature sindacando su condanne non definitive, su semplici denunce mai andate in giudizio, “eliminando alcuni”, ma è stato molto largo di maniche in svariati casi; senza entrare nel merito e senza fare nomi, nonostante lei abbia una condanna definitiva per omicidio colposo in un incidente stradale. Si potrebbe poi ricordare che nel 2003 la Gestimar, l’immobiliare di famiglia di cui è socio ha usufruito del berlusconiano condono tombale, uno dei bersagli preferiti nei suoi spettacoli. A Genova uno degli organizzatori del V2-day nel 2007 è stato condannato (patteggiando) a 1 anno e 4 mesi per bancarotta fraudolenta...

4. non tutte le idee rivoluzionarie sul web di Casaleggio la seducono. Per esempio non sembra averlo convinto la battaglia per l’abolizione del copyright; lei ha fatto un esposto contro la vendita su eBay dei dvd taroccati dei suoi spettacoli. L’unico risultato è stato che il vicentino Alessandro B., 19 anni, si è trovato la guardia di finanza in casa e il computer impacchettato… qualche commento?

5. nella sua visione della politica nuova, della trasparenza, di persone nuove, come si colloca il rifiuto del confronto pubblico, del rispondere alle domande che le vengono poste? Come mai, lei prima osanna il web come strumento di rapporto diretto con i cittadini, e poi lei per primo non risponde mai a nessuno? Né su twitter, né su facebook né sul blog?

6. come mai il suo movimento, che dovrebbe essere il primo esempio di una nuova trasparenza, soprattutto finanziaria ed amministrativa, adotta come strumenti i meno trasparenti e tracciabili? Postepay, paypal… il documento di Bilancio dei 5 Stelle pubblicato su internet non rispetta, o meglio non applica per nulla la legge sul finanziamento dei partiti. Sono diversi i nomi del committente della compagna elettorale e quelli sia degli intestatari dei conti correnti sia del numero identificativo di PostePay. Il bilancio è composto per poste di entrata e uscita dirette unicamente a persone fisiche. Quindi non esiste tracciabilità dei fondi in entrata (c'è solo il nome di chi incassa) né dei fondi in uscita: il pagamento di una serie di affitti o di una serie di forniture (fino a 4 mila euro mensili) non è “giustificato” da una fattura ma dal nominativo del socio che ha provveduto al pagamento. …ci spiega come mai?

7. Il M5S avrebbe aperto un conto su “Pay Pal”. Questo conto risulta intestato a “Movimento 5 Stelle Genova”. Non è un conto “personale” quindi... ma PayPal per aprire un conto non personale (di un associazione, ente o soggetto di altra natura) richiede esplicitamente il codice fiscale o partita iva, nonché i documenti ufficiali del soggetto collettivo intestatario del conto, nonché la sede legale ed i dati del responsabile legale. Ora non risulta che i M5S locali abbiano un codice fiscale, una partita iva, una sede legale, così come non risulta siano costituiti in struttura formale con un responsabile legale. Quindi quel conto a chi è intestato?

8. domandina facile facile, cui serve una risposta semplice, basta un nome e un cognome (o se preferisce il nome dell’azienda). Ci sa dire chi ha pagato il costo del palco, degli schermi e della comunicazione del VDay di Milano?

9. Nella Casaleggio, il secondo socio per importanza è Enrico Sassoon, che con la moglie, Cristina Rapisarda, ha costituito la “Global Trends”. Lo sapeva che la signora Rapisarda è stata coordinatrice di Agenda 21 a fianco dell’Assessore all’Ambiente Walter Ganapini? Che questi ha stipulato protocolli di intesa di vantaggio con la Italcementi (cliente di Global Trends) per gli inceneritori? E in particolare i cementifici a cui si fa riferimento sono l’Italcementi di Pontecagnano, la Cementir di Maddaloni e Moccia di Caserta, e che proprio per quegli impianti la Italcementi è indagata per favoreggiamento mafioso?

10. Grillo, lei molte volte si è lasciando andare a derive decisamente razziste, prima sui rom, poi sugli extracomunitari in generale, senza mai rispondere a domande in merito. Nel suo statuto (che non prevedendo alcuni organi di funzionamento democratico è incostituzionale!) lei prevede l’adesione solo per cittadini italiani (nemmeno l’apertura obbligatoria a quelli comunitari)… un suo amministratore ultimamente ha paragonato le unioni civili al matrimonio con animali… ce la direbbe una semplice parola chiara sulla sua posizione e del suo movimento su questi temi?

Ora, premettendo che in un mondo libero lei è libero di non rispondere, ma che è opportuno in democrazia che chi ricopre un ruolo pubblico sia anche trasparente e risponda alle domande… e premettendo che costituisce reato il dare risposte false, ma non di meno è facoltà di ciascuno mentire… …resto in attesa, delle risposte che credo non mi darà. Così, sono certo che non mi querelerà – nonostante gli strali dal suo blog – perché in primo luogo non ce ne sono gli estremi, dal momento che tutto ciò che ho affermato sono fatti, e dal momento che dovrebbe poi rispondere, in ben altra sede, a queste stesse medesime domande. E da ultimo, dovrebbe chiarire anche perché non ha risposto…

[leggi anche "Chi e cosa c'è dietro Grillo e al Movimento 5 stelle"]

P.s. ci tengo a precisare che le domande qui poste sono state inviate sia a Casaleggio che a Grillo per correttezza professionale e trasparenza un giorno prima di pubblicarle... ...qualora, per caso, avessero voluto rispondere... ovviamente pubblicherei la risposta o anche una semplice nota di replica.

Condividi post

ernesto 12/07/2012 13:58

Grazie per tutte queste notizie,avevo incominciato da tempo a dubitare della serietà morale di certi figuri e dei loro propositi politico-economici.Dispiace solo vedere come tanta gente si lasci ingannare dal primo incantatore che si presenti a suonar loro la filastrocca che vogliono sentirsi dire.Rifiutare ogni qualsiasi tipo di confronto con la pubblica opinione è solo Antidemocrazia,e dispiace che i grillini non lo capiscano.Quello di cui molti,oggi,dopo un parziale ed iniziale avvicinamento al M5S,stanno incominciando a ricredersi,sono le belle parole di democrazia diretta,uno vale uno,etc. che non si stanno dimostrando nei fatti.

micheledisalvo 12/05/2012 16:22

Io credo due cose.
Intanto che nulla si esaurisce in un singolo articolo - e non credo che a queste domande possa rispondere nel merito nessun altro che non siano Grillo o Casaleggio. Il resto è spicciola polemica politica.
Io ho posto delle domande su dei fatti - e le risposte dovrebbero essere dirette, pertinenti, oggettive, e auspicabilmente vere.
Continuare nel replicare "si ma gli altri..." o nel vagheggiare teorie del complotto, dei poteri forti, della macchina del fango è una tecnica marcia e vecchia di chi non sa cosa rispondere e rifugge la domanda.
Non troppo diversa da B. che diceva "mi processano i giudici comunisti" e compagnia bella...
Chi si presenta come nuovo cominciasse con dialettiche, parole, e comportamenti davvero differenti.
Per il resto ti segnalo qualcosa di complessivo... e io vedreri e cercherei di aprire gli occhi su tutta la vicenda e non su una singola affermazione
http://micheledisalvo.com/2012/11/29/democrazia-a-5-stelle/
http://micheledisalvo.com/2012/11/16/la-liberta-di-espressione-nellera-digitale/
http://micheledisalvo.com/2012/09/12/la-comunicazione-politica-tossica/
http://micheledisalvo.com/2012/09/01/chi-ce-dietro-grillo-e-al-m5s/

Continuare nella logica del paragone, del pegggio che abbiamo e abbiamo avuto, del come fanno gli altri, del mettiamoli alla prova non funziona più.
E poi quando ti avrà dimostrato di essere peggiore tu che dirai? “non sono corresponsabile perchè ero in buona fede?”
No caro – i segnali c’erano ma hai scelto scientemente di foderarti gli occhi.
I segnali c’erano ma tu hai scelto i paraocchi e di andare avanti come un mulo senza ascoltare nulla e senza mettere nulla in dubbio.
basta cavarsela con il “mettiamoli alla prova, io sono in buona fede e non sono responsabile, e si tratta di poche mele marce”.
Tutto già visto e sentito.

micheledisalvo 12/05/2012 15:08

Potrei rispondere con una battuta seria: prima ti ignorano, poi ti combattono, poi vinci. (non è Grillo, è Gandhi) - e dirti che siamo abbondantemente nel post fase due... potrei dirti che se la via è ignorarmi, a che devo la lettura e il commento? ignorami e risparmiami.
Ignorare però me è un conto. Foderarsi gli occhi e non vedere il contenuto delle domande che ho posto è una scelta precisa. Non rispondere nel merito è esserne complici. punto.
venendo invece ad una risposta seria, ti sbagli.
Dopo quindici giorni dal mio ebook di maggio Casaleggio ha scritto al Corsera ammettendo tutto.
Mentre sino al giorno prima tutti del m5s dicevano che dietro Grillo non c'era niente e nessuno.
E questo è un fatto, è storia, e cronaca.
E dato che queste domande le hanno avute prima, e non mi hanno querelato, beh... significa che temono che io abbia banalmente deto la verità - e dato che nei tribunali non puoi fare demagogia o retorica ma devi dire i fatti e dimostrare che io ho mentito... non potendolo fare... se ne stanno zitti zitti e buoni buoni. Amen.
Buon voto

beatrice clapton 12/05/2012 11:18

Grillo e Casaleggio non ti rispondono,nè ti querelano? Forse ti ignorano e sarebbe ora che lo facessimo pure noi !

Matt7 11/17/2012 08:41

Iniziando il discorso dico che cerco di informarmi in tutti i modi su questo argomento: blog di Grillo, giornali. TV, radio e blog complottistici di tutti i tipi. Quello che vedo è tanta tanta confusione che la mala-informazione sta portando, le tesi complottistiche servono ma il fatto è che rimangono tesi fino a che non ci sono prove e se uno mi dice che "dietro Grillo" c'è qualcosa di losco o di grosso poi mi deve spiegare anche come sia arrivato a questa conclusione. Detto questo la domande a cui vorrei una risposta sono:
1. Questi "poteri forti" che ci sono dietro a Grillo ed al Movimento che scopi avrebbero? Grillo dovrebbe fare gli interessi di chi? Fino ad oggi chi si è infiltrato nella politca o in altre istituzioni l'ha fatto per i propri interessi più oscuri, in Italia c'è stata la P2 e c'è la mafia...parliamo di truffe, assassini, stragi e chi più ne ha più ne metta: come si possono accostare cose del genere con Grillo? O meglio, uno che da anni sputtana il marcio che più marcio non si può (es. Parmalat, Nestlè, Signoraggio Bancario, Telecom, Berlusconi etc.) che favore può avere da "poteri forti" che per forza di cose vanno a favore di tutto quello che lui stesso condanna?
2. Capisco benissimo "l'inchiesta" ma perchè nessuno si chiede le stesse cose degli altri partiti visto che la trasparenza (non totale) che c'è nel M5S gli altri partiti se la sognano?
3. Per favore, lo dico chiaramente, smettetela di far presunti scoop su parentele. Questa è la tipica demenza italiana che trasforma un normale cittadino nel suo parente che magari è uno spacciatore o un serial killer o un ministro. Ognuno è se stesso, se qualcuno ha una "parentela scomoda" non significa che quella persona abbia a che fare con lui. Ed è una cosa che so bene perchè riguarda anche me.
4. Secondo me bisognare vedere le cose da più angolazioni: Grillo non risponde ai giornalisti, è vero, però il 90% di TV e giornali stanno a stretto contatto con i partiti antagonisti al suo. O no?
5. Se questa idea dei poteri forti si riveli vera allora ne verrebbe risucchiato anche Il Fatto Quotidiano? La cosa mi puzza, mi sembra l'unico giornale libero in Italia, ma questa è un'idea mia.
6. Anche nel caso che ci siano infiltrazioni di qualunque tipo come potremmo accorgercene? Come potremmo mai sapere se nel PDL c'è un massone, se nel PD c'è un mafioso o se M5S c'è il fratello del cugino di Casaleggio? E' una cosa che riguarda tutti ma il fatto è: è meglio votare un partito (es. PDL) che fino ad ora non ha mai fatto le primarie e non ha mai fatto scegliere ai cittadini nemmeno un parlamentare oppure un "partito" che perlomeno sceglie i candidati al parlamento tramite votazione? Che non dico sia super-trasparente, ma sarà almeno meglio?
P.S: Con Liquid Feedback amplieranno anche il programma on-line, cosa che gli altri non fanno. Sia mai che qualcuno voti contro la costruzione della TAV.
7. Nessuno si è preso la briga di andare a vedere se in tutti gli eletti del M5S (consiglieri regionali e comunali) c'è qualcuno che ha a che fare con qualcosa di losco? Il fatto che non siano condannati o indagati non vuol dire che siano perfetti ma intanto è qualcosa. Inoltre, perchè invece di farsi finanziare da "qualcuno che non si sa chi sia" non si prendono i rimborsi elettorali che ammontano a milioni di euro? Sarebbe stato molto più facile, bastava non iniziare questa lotta contro i rimborsi e nessuno si sarebbe accorto della differenza.
8. Vorrei che mi spiegaste tecnicamente come si fanno a portare un tot. di persone in parlamento ( in questo momento secondo i sondaggi sui 100-110) ed ad avere almeno la metà (perchè deve essere cosi) che siano "giostrati" dal "capo", soprattutto calcolando che i Meet-Up sono in tutte le regioni d'Italia e Grillo non è che partecipa direttamente a nulla, se si vota si vota, mettiamo caso che faccio una proposta se la metà più 1 dicono che non va bene allora non va bene. Non credo che gli attivisti siano dei robot, o c'è anche questo sospetto? (LoL)
9. In tutto questo casino, alla fine, il meno peggio chi è? C'è? Personalmente penso che il voto si debba dare, meglio votare SEL e M5S che votare tutti i partiti che sono in questo momento in parlamento. O sbaglio? Anche perchè se vuoi contrastare i vari Berlusconi, Giovanardi, Fini, Bossi etc. il voto lo devi dare a qualcuno.