Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Michele Di Salvo
27 Jan

Cosa dimentica la Merkel

Pubblicato da Michele Di Salvo

Cosa dimentica la Merkel

Alcune considerazioni sulla Germania, che farebbero bene all’Europa

Faccio una premessa doverosa, per chi dovesse leggere questo articolo senza aver letto altri articoli miei prima (quelli che mi hanno già letto lo sanno con discreta certezza): il mio intento non è essere populista né revanscista, né entrare nel coro di coloro che “se la cavano” opportunisticamente dicendo “è colpa di…” e indicano qualcuno artefice di tutti i nostri mali. Non è il mio stile, né quello che penso.
Però mi trovavo a riflettere su questi concetti a proposito di un saggio che sto scrivendo su quella che è stata codificata come “la grande recessione”, ovvero quel ciclo che va dal 2008 al 2013 e da quasi tutti considerata pari o forse peggiore della “grande depressione” (1929-1935)
Se da noi è stata tremenda e dura, ma senza le scene che abbiamo visto nelle foto e nei documentari di quel periodo, è per quel tanto scontato e bistrattato stato sociale che ci ritroviamo, in cui non muoriamo per strada per un’influenza, perché abbiamo un sistema sanitario da migliorare, certo, ma gratuito per tutti, perché esistono strutture di assistenza, una scuola pubblica, e perché tutto sommato – spesso malgrado noi stessi – le condizioni di vita generali sono migliorate.
Non mi dilungo, perché il tema è un altro, ma questa prima riflessione credo sia comunque utile, e per certi versi necessaria.

Mi trovavo a confrontarmi con un amico, esperto più di me di economia europea, cui ho posto un semplice quesito: al di là del diverso sistema di stato e di governo, delle leggi sul lavoro, del costo del lavoro, ed anche di un diverso sentire nazionale, come si spiega la grande capacità industriale della Germania a differenza degli altri paesi europei?
Da questa chiacchierata sono emersi un paio di fattori abbastanza interessanti.
Il primo, è che da sempre la Germania si è sentita “minacciata”, non avendo confini naturali geograficamente definiti (come per noi le alpi e il mare per intenderci) il che ha irrobustito il carattere nazionale e nazionalistico, ed ha trasformato la debolezza in opportunità, ovvero diventare l’hub (diremmo oggi) della logistica europea.
Non avere confini significa poter investire in infrastrutture con maggiore economicità e praticità e data la posizione geografica essere il collegamento ineluttabile tra l’europa occidentale e orientale, con tutto quello che comporta.
Va poi sfatato poi qualche mito. in Germania il costo del lavoro è maggiore degli altri paesi europei, non il contrario, ma è legato alla produttività. A parità di professione un tedesco guadagna 1,08 volte quello che guadagna il suo collega francese e 1,11 quello che guadagna il collega italiano.
Semmai lavora 1,1 volte più del collega francese e 1,2 volte più di quello italiano – non in termini di ore lavorative, ma principalmente in termini di “cose fatte” – ovvero produttività.
Quello che però “non percepiamo” è quanto basso sia il costo della vita reale in Germania, e quindi quanti meno costi con quel salario deve sostenere un cittadino tedesco.
Asili gratuiti e diffusi per tutti, significa risparmi per le famiglie, specie quelle di reddito medio basso. Un costo di trasporti, carburanti, strade e autostrade, ferrovie, inferiori (tutti sommati e mediamente) del 12% significa altrettanti risparmi sui costi della vita. E potremmo continuare su altri “piccoli costi” sino ad arrivare alle abitazioni. Nel centro di Berlino puoi acquistare casa con 250/300mila euro, mentre a Roma, Napoli, Milano, la stessa casa costerebbe circa il doppio.
Questo significa che con gli stessi parametri di accesso al credito, in Germania il 70% dei cittadini può oggi acquistare una casa, mentre da noi solo il 30%, restando quindi un lusso più che un diritto.
Soprattutto tutti questi “minori costi” e anche minore indebitamento, in Germania diventano “risparmio”, e spesso investimento in fondi comuni, che investono in imprese, e non solo.

Ma è bene ricordare anche un secondo vantaggio della Germania, rispetto al resto dell’Europa, dovuto proprio grazie ad un’Europa cui troppo spesso la stessa Germania è poco grata.
E qualche volta, non per rinfacciarlo ai cugini germanici, sarebbe bene qualcuno lo ricordi, e con decisione e precisione, soprattutto quando i tedeschi sono propensi ad un certo rigore nel rammentare agli altri i propri debiti, e il dovere di onorarli.
La Germania è andata in default due volte in un secolo e le sono stati condonati i debiti di due guerre mondiali per consentirle di riprendersi. Fra i Paesi condonanti anche la Grecia, povera allora fors’anche più di oggi, e l’Italia.
Dopo la Grande Guerra, John Maynard Keynes sostenne che il conto salato chiesto dai Paesi vincitori avrebbe reso impossibile la rinascita della Germania. L’ammontare del debito di guerra equivaleva, in effetti, al 100% del Pil tedesco. Fatalmemte, nel 1923 si arrivò al grande default tedesco, con l’iperinflazione che distrusse la repubblica di Weimar.
Adolf Hitler, eletto cancelliere sull’onda proprio del malessere dovuto alla crisi economica, si rifiutò di onorare i debiti, i marchi risparmiati furono investiti per la ricostruzione industriale, e nel riarmo, concluso, come si sa, con la seconda guerra mondiale, in seguito alla quale su Berlino ricadde un secondo debito di ricostruzione e risarcimento: l’ammontare complessivo aveva raggiunto i 23 miliardi di dollari.
la cifra riferita a quegli anni sembra tutto sommato piccola, decisamente meno piccola se la attualizzassimo al 2000 – ad esempio – in cui sarebbero poco meno di 530 miliardi di dollari!

La Germania sconfitta non avrebbe mai potuto pagare i debiti accumulati in due guerre, peraltro da essa stessa provocate.
Mentre i sovietici pretesero e ottennero il pagamento della somma loro spettante, ottenuta anche facendo lavorare a costo zero migliaia di civili e prigionieri, il 24 agosto 1953 ben 21 Paesi Bassi, Belgio, Canada, Ceylon, Danimarca, Grecia, Iran, Irlanda, Italia, Liechtenstein, Lussemburgo, Norvegia, Pakistan, Regno Unito, Francia, Spagna, Stati Uniti, Svezia, Svizzera, Unione Sudafricana e Jugoslavia, con un trattato firmato a Londra le consentirono di dimezzare il debito del 50%, da 23 a 11,5 miliardi di dollari, dilazionato in 30 anni.
A parte Stati Uniti, Canada e Svizzera – che all’epoca erano paesi ricchi che on avevano subito danni diretti sul proprio suolo – tutti gli altri paesi che accordarono questo “sconto” erano paesi molto poveri, o avevano avuto pesantissime perdite.
In questo modo, la Germania poté evitare il default in cui di fatto era, e poté ricostruirsi.
L’altro 50% avrebbe dovuto essere rimborsato dopo l’eventuale riunificazione delle due germanie, ma nel 1990 l’allora cancelliere Kohl si oppose alla rinegoziazione dell’accordo, che avrebbe procurato un terzo default alla Germania. Italia e Grecia acconsentirono di non esigere il dovuto. Nell’ottobre 2010 la Germania ha finito di rimborsare i debiti imposti dal trattato del 1953 con il pagamento dell’ultimo debito per un importo di 69,9 milioni di euro (in pratica il rateizzo, a interessi zero, si protrasse per sessanta anni e non trenta come inizialmente stabilito).
Senza l’accordo di Londra che l’ha favoritala Germania dovrebbe rimborsare debiti per altri 50 anni. E non ci sarebbe stata la forte crescita del secondo dopoguerra dell’economia tedesca.
Ma è anche rilevante che senza quegli accordi, sconti e dilazioni Berlino non avrebbe avuto le condizioni per entrare nel G7 e non avrebbe avuto i requisiti per entrare nella Banca Mondiale, nel Fondo Monetario Internazionale e nell’Organizzazione Mondiale del Commercio.

L’Europa la si fa insieme, tutti insieme.
Ma tra i valori andrebbero inseriti accanto al rigore, al controllo del debito, alle riforme strutturali, semmai anche un tetto agli interessi del debito pubblico, e soprattutto una gran dose di memoria storica collettiva, che sembra proprio mancare talvolta.

_____________________________
Articoli correla
ti

​Lo shock di Friedman e la necessità di tornare a pensare

Due o tre motivi perché l’intervento “sulle banche” è inutile... (12-10-2008)​

L'economia e le grandi guerre

Tra Eurobond e riforma della BCE​

Alcune considerazioni di politica economica sulla “soluzione” alla crisi finanziaria
greca… (11 maggio 2010 HBSRev
)

Quella manovra da 500mld che ci salverebbe e nessuno può fare (FTweekly 14.10.2011)

La vecchia Europa e quella che verrà​

Condividi post

Roberto Brandoli 02/02/2014 00:44

Salve, Le assicuro che non è vero che i tedeschi sono più produttivi degli italiani. Lavoro per una multinazionale Tedesca e tutta questa efficienza e capacità di analizzare e risolvere i problemi non l'ho vista nei colleghi. Secondo, non è affatto vero che guadagnano più degli italiani, in germania ci sono 7,5 milioni di minijob che il suo articolo non cita con salari che vanno dal 400euro fino agli 800-900. Con questi contratti hanno fatto un salto di "produttività" anzi hanno generato un plusvalore che poi è andato in tasca alle banche tedesche che hanno fatto mutui per gli immobili, come hanno fatto anche alla Grecia e Spagna per il valore di oltre 300 Miliardi. Questa è stata la vera speculazione.
Grazie Notte si faccia raccontare anche questo dal suo amico la prossima volta...

Michele Di Salvo 02/02/2014 00:48

la ringrazio enormemente per la sollecitazione.
dei "minijob" ho intenzione di parlare - e approfonditamente.
anche in simmetria con lo stato sociale danese, e con alcune forme di lavoro dei paesi scandinavi.
non concordo sulla "speculazione bancaria" in materia, ma certamente come elemento di spinta economica - e non sempre equa - si...!

Domenico Liguoro 01/27/2014 09:04

Aggiungo Dott.Di Salvo che il ritorno alla lira sarebbe catastrofico. Faremmo la stessa fine dell'Argentina. Sempre in Europa con riforme e razionalizzazione della spesa pubblica

Domenico Liguoro 01/27/2014 09:01

Buongiorno
Ottimo articolo.Noi italiani non solo non sappiamo copiare il meglio anzi copiamo il peggio che c'è all'estero e, cosa peggiore, non andiamo d'accordo sulle idee neanche in famiglia. Siamo infine coloro che "si fanno i fatti loro" senza pensare che quello da cui rifuggono possa travolgere tutti anche loro. Un saluto