Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Michele Di Salvo
04 Nov

Il gioco indegno dello sputtaNapoli

Pubblicato da Michele Di Salvo  - Tags:  Attualità, Bassolino, comunicazione, Giletti, Napoli, pd, Salvini

SPUTTANAPOLI2015La vicenda in sé è un cliché, sia della politica che della tv del pomeriggio. Metti un presentatore e qualche ora da riempire (nel caso specifico Giletti e l'Arena), parli di Napoli, e ciò di cui parli è la spazzatura nelle strade adiacenti la Stazione Centrale. Metti qualche commento il giorno dopo sui social network – estensione digitale che ci fa sentire tutti opinionisti chiamati a intervenire – e il polevrone diventa polveriera. Si va da "Giletti De Magistris due facce dello stesso populismo" alle accuse "occupati del tuo paese di provincia e non di Napoli". Peggio se gli autori sono esponenti politici locali, e peggio ancora se uno lavora per il Sindaco e l'altro è un dirigente del Pd. Si scatena – ennesima, imperitura, sempiterna – la lotta tra "tu sei parte dello sputtaNapoli" e non vuoi bene alla città e il "tu neghi l'evidenza". E il dibattito continua. Poi, come sempre, passeremo a parlare d'altro. Poi come sempre riprenderà identico alla prossima puntata. Perchè di Napoli ormai si parla (da anni) solo per camorra, spazzatura e traffico e disservizi. Il gioco – perchè alla fine questo diventa – vede le parti a ruoli alterni. Se sei maggiornaza che amministra, allora lo sputtaNapoli lo fanno gli altri e quindi ti indigni, se sei all'opposizione allora dici solo la verità da non nascondere sotto i tappeti. Quante volte lo abbiamo già visto, e quante volte i protagonisti – se avessimo memoria – sono stati pressoché gli stessi. Dovremmo cominciare a chiamare non solo i problemi, ma anche i responsabili per nome.

Quarant'anni fa moriva Pier Paolo Pasolini. Nel suo famosissimo "io conosco i nomi" scriveva "A chi dunque compete fare questi nomi? Evidentemente a chi non solo ha il necessario coraggio, ma, insieme, non è compromesso nella pratica col potere, e, inoltre, non ha, per definizione, niente da perdere: cioè un intellettuale."

Ecco che qui emerge la vera lacuna di questa città, che fu un tempo capitale europea. Un male che tocca un po' tutto il paese, ma da noi diventa cancrena e non semplice patologia. Da noi si rincorre, elezione dopo elezione, la famosa "società civile", l'intellettuale di alto profilo che possa spendersi per dare volto credibile a una classe dirigente di mediocre cabotaggio, di interesse personale, di compromesso esistenziale, di statura minimale. Ma questo paravento intellettuale deve anche – per necessità di conservazione dello stato delle cose a che le cose non cambino mai – essere estremamente compromesso con quel potere, dipendente da quel potere, finendo per non avere più alcuna indipendenza critica, ma finendo con l'esserne alibi e difesa d'ufficio.

In questo gioco, l'intellettuale di turno si presta, per l'intervista, l'applauso, il plauso o like su facebook, ad essere – a seconda delle stagioni – parte dello sputtaNapoli perchè dice la verità, o amante e difensore della città contro chi ne sa solo parlare male. Sinchè non cambierà il vento e con questo vento la propria posizione personale. Ecco. Attori e spettatori, qualsiasi sia la posizione di oggi su questa vicenda specifica, sono tutti parte dello stesso gioco. Cui, per essere chiari, un intellettuale vero e indipendente, non si presterebbe mai.

ilroma 03112015

 

Nella convulsione del neodibattito sulle "nuove classi dirigenti" a Napoli e in Campania, colgo l'occasione per pubblicare l'editoriale che scrissi il 10 ottobre... come non fosse passato quasi un mese.

Che il pd nelle regioni meridionali abbia vocazioni masochiste è noto. Perseverare dopo lo show poco edificante delle primarie per la Regione diventa però patologico. Il leitmotiv è sempre lo stesso: cercare un presunto candidato unitario per evitare le primarie. E ogni volta i discorsi sono sempre inesorabilmente gli stessi. Stavolta la questione traccia un solco che va oltre le questioni di partito. Pisapia (che non si ripresenta) da Milano sentenzia "Lle primarie si faranno e tutti i partiti e le liste hanno sottoscritto una carta di intenti". Nel pragmatismo milanese la data c'è, ed è il 7 gennaio. Chi vuole si candidi in quei termini, partita e discussione chiuse. Da noi le eterne discussioni su date, regole e fantomatiche ricerche di unitarietà (laddove unità non c'è) sono il sintomo di quella eterna lenta melma politicante che serve solo al sottobosco di accordi di potere, di comparsate sui giornali pur di esistere "ancora, un giorno almeno...". Lo spessore di questa presunta nuova classe dirigente è tutta in un hastag di un Antonio Bassolino, sindaco venticinque anni fa, e ostracizzato dal partito che ha fondato e diretto e riportato alla vittoria, l'unico che è stato autenticamente capace di unirlo e tenerlo insieme. Basta che twitti #statesereni, o che decida di andare da spettatore alla festa de l'Unità che coloro che sono la nuova classe dirigente fuggano via e si terrorizzino. Eppure quell'Antonio Bassolino è lo stesso che tutta questa classe dirigente l'ha tenuta a battesimo, tra ex consiglieri comunali, ex assessori, ex dirigenti. La querelle sull'ipotesi della sua candidatura per me è semplicemente qualcosa che non esiste: un uomo dalla lunga storia politica, che dalla politica ha avuto tutto, cui tutti riconosciamo quantomeno intelligenza politica e conoscenza delle cose elettorali, non credo affatto metterebbe a repentaglio il proprio capitale – non solo politico ma anche storico ed umano – rischiando la sconfitta con un partito ridotto a Napoli a meno del 18%. A meno che non creda nel miracolo, che solo lui potrebbe fare. Ma la generosità di Bassolino, e l'amore per il suo partito, forse ancora non sono stati compresi fino in fondo. Certo, c'è una componente di ego che tutti gli rinosciamo (e quale politico apicale non ne ha una gran dose), ma c'è dell'altro. Bassolino non è stato messo alla porta, si è messo da solo in disparte come solo i grandi sanno fare per concludere le vicende giudiziarie al termine di vent'anni di comando assoluto e indiscusso. E mentre gli amici di un tempo, che a lui devono tutto, gli hanno voltato le spalle, oggi lui a testa alta può dire – ancora – di essere una risorsa enorme, autorevole, pulita, scevra da processi e condanne. E che – alla faccia del presunto cambiamento e rinnovamento – basta un suo cinguettio, una sua "uscita fuori porta" (semmai ad Ercolano per visitare la festa del suo partito senza che nessuno lo avesse anche solo invitato) che tutti tremano. Bassolino non è il nuovo, ma il solo apparire all'orizzonte della sua candidatura fa tremare in primis i suoi ex fedelissimi che gli hanno voltato le spalle riciclandosi e "cambiando idea", costruendosi una carriera rinnegando quella stagione, senza alcun mea culpa. La sua resta una enorme provocazione che andrebbe letta per ciò che è e dovrebbe far riflettere tutti su ciò che sta avvenendo. Il disvelamento di una classe dirigente che pensava di esserlo, dimenticando che la leadership non si inventa, non si cala dall'alto, non te la conferisce un ruolo. Bassolino è un leader, come ricorda lui stesso "senza essere nemmeno dirigente della più piccola sezione del pd". Altri evidentemente nonostante il ruolo – interno e istituzionale – leader non sono. E serviva il buon vecchio Bassolino a far emergere questa semplice verità, che non ha compreso chi – in segreteria regionale, provinciale, a Roma da parlamentare o altrove – pensava di pesare per grazia ricevuta o ruolo infuso. Al netto di questo tuttavia, in un'era di politica anche digitale, Antonio Bassolino è e resta l'unico vero influencer politico della politica regionale, riuscendo attraverso strumenti non esattamente propri della sua generazione, con due status si facebook e due tweet scritti bene a dettare (letteralmente) l'agenda politica, tanto dei dirigenti del partito quanto di "giovani spauriti guerrieri quarantenni", costretti a inseguire, replicare, intervenire, rispondere. Chapeau. Se il pd riflettesse su questa semplice realtà, e cominciasse a dire grazie per la lezione al suo Antonio, forse, sarebbe un partito più umile, e già per questo migliore. E se a Napoli importassimo un pizzico di quel sano pragmatismo milanese, e dicessimo anche noi che le primarie si fanno, chi vuole davvero si candidi e ci metta la faccia e si faccia votare e scegliere dal suo popolo, beh, saremo meno schiavi degli accordi di potere dei capibastone e della malapolitica che mantiene a galla sempiterni signornessuno. E se imparassimo a non confondere "la piazza virtuale" con "il vascio di quartiere", forse, anche la nostra immagine sarebbe meno provinciale e più consona al ruolo di chi si candida a fare bene per il bene comune.

roma 10102015

Condividi post