Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Michele Di Salvo
19 Feb

Di Battista alla lavagna

Pubblicato da Michele Di Salvo  - Tags:  m5s, di battista, unioni civili, pd, diritti

Allora, Unioni Civili, facciamo un po' di chiarezza, perché il PD ha fatto un "casino" incredibile negli ultimi giorni".
Comincia così un video di 6 minuti in cui Alessandro Di Battista "spiega" con lavagna e pennarelli – come in un corso aziendale ma rivolto a bambini di scuola elementare – in cui il parlamentare "dovrebbe" parlare quantomeno ai suoi elettori delle Unioni Civili.

Ebbene in 6 minuti e 9 secondi riesce a nominare:

  • 28 volte pd / partito democratico

  • 9 volte Fiducia

  • 9 volte Renzi

  • 7 volte Lega

  • 7 volte Cirinnà

  • 5 volte M5S

  • 3 volte Forza Italia

  • 2 volte "partito di maggioranza" (non assoluta ndr)

  • 2 volte Centro Destra

  • 2 volte PCI (che non esiste più dal 1991 ndr)

  • 1 volta Napolitano (sic)

Ma soprattutto riesce incredibilmente a nominare UNA sola volta la sigla LGBT (per dire che dovrebbero protestare con il PD) e non una sola volta "gay, lesbiche, trans". Non una sola volta i diritti dei bambini, non una le famiglie (arcobaleno e non). Non una il tanto discusso tema della "step child adoption".

Ora, se lo scopo era chiarire qualcosa sulle Unioni Civili è chiaro che invece l'intento era altro.
E visto che "sogniamo" una politica se non "all'americana" quanto meno anglosassone, ai fact-checking dovremmo cominciare a farci l'abitudine, e non vederli come un atto ostile. Specie se i video online restano e tutti possono vederli.

Non c'è un solo momento del video di Di Battista in cui chiarisca la posizione dei 5 Stelle, se non per dire che loro la legge l'avrebbero votata così com'è – il che non spiega ad esempio la questione del "voto secondo coscienza" comunicata da Grillo.

Non c'è un solo momento in cui Di Battista – quando afferma che il Governo avrebbe potuto porre la questione di fiducia – ha chiarito se in questo caso ad esempio "pur di votare la legge" avrebbe votato la fiducia al Governo, oppure se pur di votare contro Renzi avrebbe votato no (pur essendo a favore della legge così com'è).

Si lamenta infine Di Battista che con il "canguro" non ci sarebbe stato dibattito parlamentare, e tuttavia preferirebbe quasi la questione di fiducia che avrebbe lo stesso risultato. Se non forse uno peggiore: far venir meno quella famosa "libertà di coscienza" che hanno invocato in molti votando articolo per articolo.

Se Di Battista voleva fare chiarezza, non ha reso un bel servizio in questa direzione.

Se voleva dire cose ovvie, che sono sotto gli occhi di tutti, e cioè che il Pd ha varie anime interne e su certi temi ha divisioni anche profonde, non serviva la lavagna.

Se voleva attaccare il Pd come male assoluto, ci è riuscito poco e male, perché quello che ha detto non solo è debole rispetto a quello che sta avvenendo e che viene raccontato meglio dalla cronaca, ma anche perché la sua posizione e quella del suo partito non sono per nulla alternative né risolutive.

Qualche suggerimento per la prossima volta:

  • stare più sul tema: la parola che scrivi in grande al centro è l'argomento del discorso, e per lui evidentemente il tema era PD.

  • la camicia, specie se chiara, meglio bianca, è più efficace

  • la luce (molto) meno sparata in faccia

  • sei solo davanti a una telecamera, non hai bisogno di urlare: le persone comprendono meglio un messaggio calmo e caldo

  • i pennarelli: meglio se nuovi e che non sbiadiscano se scrivi in orizzontale

  • il rosso serve per evidenziare e sottolineare, non per scrivere "un'altra posizione" (per quello esistono il verde, il nero...)


Lo capisco che ha Rocco Casalino come responsabile nazionale comunicazione e che la fidanzata di Di Maio non sono proprio il massimo, anche se entrambi li paghiamo profumatamente noi, ma Benzi (che lavora sempre alla Casaleggio) queste cose le sa bene.

Basta chiedere a lui.

Condividi post