Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Michele Di Salvo
06 Oct

Lettera ad un poliziotto

Pubblicato da micheledisalvo  - Tags:  giovani, libertà, manifestare, polizia, Società

Caro "agente", nel senso letterale di "chi agisce", ti chiedo, quando indossi l'uniforme per compiere il tuo lavoro, di non scordare il cervello, e quindi oltre essere uno che agisce, tu possa anche pensare. Vorrei tu ricordassi chi ti paga lo stipendio, e cioè le tasse pagate dal popolo italiano. Vorrei tu ricordassi che sei stato un ragazzo, che sei padre, e che tra quei manifestanti potrebbe esserci tuo figlio, e che altri tuoi colleghi potrebbero "esagerare". Caro poliziotto, mi permetto di ricordarti che il tuo lavoro non è "difendere l'ordine contro chi teoricamente fa disordine". Il tuo lavoro - e per questo sei pagato e porti un'uniforme - è quello di difendere la popolazione. La tua non è una "divisa" fatta per dividere e dividerti dagli altri cittadini, una una uniforme che unisce un corpo unico che tutela tutti, e tutti i diritti costituzionali. Diritto di nascere, crescere, manifestare la propria opinione, dissentire, pensare, manifestare, dare espressione alla propria rabbia anche urlando, senza necessariamente che ciò debba essere un atto represso o da reprimere.

La legge ti da il diritto che la tua parola e testimonianza valga più di quella altrui, che tu sia armato, che a te venga delegato di dirimere le controversie, a te viene concesso un uso della violenza per la tutela collettiva. Ciò rende ancora più aberrante e odioso quando menti, fai falsa testimonianza, abusi del potere, della forza e della violenza, proprio contro quei cittadini, prendendo decisioni arbitrarie - tue e dei tuoi superiori.

Io ti scrivo perchè ti conosco. So che è facile perdere la calma e la pazienza. So che è facile sentirsi provocato, anche ingiustamente. So che è troppo facile "esagerare" e abusare non di un privilegio, ma di un onere, che è appunto la forza "pubblica" al servisio del pubblico. E' facile sbagliare. Per questo nella tua uniforme, non scordare mai il cervello, e se puoi senti il battere del tuo cuore. Io non credo - e so che se ti fermi e ti ascolti, nemmeno tu crederai - che il nemico della società e il "male" siano i tanti che manifestano contro questo stato di cose. E prima di alzare un manganello, un guanto rinforzato, uno scudo, una manetta in faccia a chi hai davanti, vedici il volto ti tuo figlio, di tuo fratello o sorella. O pensa al volto di tuo padre e tua amdre che qualche decennio fa hanno manifestato per la tutela di qualche diritto... e qualche tuo collega forse anche con loro ha aesagerato.

E pensa a chi sei. Pensa a chi paga il tuo stipendio. Pensa a quale sia la natura del tuo lavoro. E senza disertare, pensaa quale sia davvero il tuo dovere, anche morale, di cittadino. Perchè se non lo fai, nulla sarà più odioso del tuo abuso.

[A TORINO UNA COMMERCIANTE PROTESTA PER LE VIOLENZE DI DUE AGENTI SU UN RAGAZZINO E VIENE MINACCIATA DA UNO DEI 2 AGENTI!]

 

 

 

Condividi post